La tecnica

Seppure la tecnica si esplichi in modo diverso che a terra, entrambe Watsu ( acronimo di water-shiatsu) e Shiatsu    mantengono in comune la filosofia di fondo e gli effetti: stimolano e riequilibrano l’energia vitale dell’organismo umano e la capacità insita in ognuno di autoguarirsi.

Nel watsu si aggiunge completandolo, il rilassamento profondo indotto dall’acqua calda e dal galleggiamento in acqua che porta il nostro corpo a sperimentare la totale assenza di gravità. Le contratture muscolari si rilasciano, sospendendo eventuali dolori muscolari;  aumenta la secrezione di endorfine, creando così uno stato di benessere gioioso

I movimenti lenti e l’attenzione costante al respiro di chi opera, agisce inconsapevolmente    anche sul respiro di chi riceve armonizzandolo.

Watsu è come un viaggio regressivo dentro se stessi: sostenuti dall’ acqua  calda e dalle braccia esperte di chi opera, come dentro l'utero di madre acqua, regrediamo bambini, riprendiamo pieno contatto col nostro corpo e torniamo ad ascoltare il nostro “io” più profondo.  

Come agisce

Gli effetti

Watsu praticato con costanza permette di risvegliare  l' attenzione su se stessi: si impara a conoscere o a riconoscere i messaggi del proprio corpo, a rispettarne i bisogni, i tempi e ad agire per riportare l'equilibrio.

Il corpo, infatti, memorizza la nostra storia; è la manifestazione del nostro carattere; è lo strumento d’  espressione e comunicazione; è il motore della nostra vita.

Tensioni fisiche e psichiche, stress, traumi, conflitti possono nel tempo creare irrigidimenti e blocchi muscolari, provocando dunque alterazioni sia a livello fisico, sia a livello energetico.

Questi squilibri sono spesso le cause di dolori (cervicalgie, lombalgie, crampi...); posture alterate (cifosi, iperlordosi, scoliosi, ginocchio valgo, piede piatto…); problemi a carico dell'apparato osteo-scheletrico e causa d’alterazioni fisiologiche (gonfiori, cellulite, cattiva circolazione…).

La stessa malattia grave e non rappresenta uno squilibrio o disarmonia. Allo stesso tempo, il metabolismo generale viene stimolato, così pure il lavoro renale, purificando l’intero organismo.

Il corpo così si armonizza, sciogliendo le rigidità. 
Il trattamento Watsu ricevuto con regolarità permette di consolidare le conoscenze e le consapevolezze acquisite all’interno di un processo di "crescita” e conoscenza di se stessi.

Watsu, modifica gli schemi "tossici" con cui abitualmente ci relazioniamo con noi stessi e con gli altri.

Non esprimere le emozioni, comunicare in maniera fredda e inespressiva, muovere il corpo con movimenti meccanici e ripetitivi sono cattive abitudini che, aggiunte alla quotidiana dose di stress fisiologico, a lungo andare indeboliscono l'organismo e lo rendono più esposto alle malattie fisiche e al disagio esistenziale.
Watsu ci fa riacquistare la nostra naturale capacità di riscoprirci integri, morbidi, sciolti e in costante comunicazione con noi stessi e con la vita.